CENSIMENTI FAUNA ALPINA: I CACCIATORI SEMPRE PROTAGONISTI

168

Maggio è il mese degli amori del Gallo Forcello. I maschi, alle prime luci dell’alba si affrontano nulle “arene di canto”, piccole aree situate nelle praterie alpine al sopra del limite del bosco, sempre le stesse negli anni, con combattimenti incruenti ma spettacolari, emettendo soffi e rugolii, per conquistare il cuore dell’amata. Le femmine sostano al limite delle arene, in attesa dell’esito.

I cacciatori alpini in concerto con gli organi di vigilanza, ogni anno, visitano le arene, osservandole da punti prestabiliti senza arrecare disturbo, per contare i maschi cantori. Un dato importante, che sommato ai censimenti che gli stessi faranno a fine agosto con l’ausilio del cane da ferma per la verifica del successo riproduttivo, servirà all’Ente Pubblico per definire i piani annuali di gestione della specie. (FIdC – UNCZA)