TORTORA: CACCIA E CONSERVAZIONE NEL 2023

560

La stagione di caccia alla tortora di quest’anno è stata il terzo anno di attuazione del programma di gestione adattativa del raccolto (Adaptive Harvest Management (AHM) guidato dalla Commissione Europea (CE).

Nonostante siano state avanzate richieste per una moratoria totale sulla caccia alla tortora, gli Stati membri della flyway centrale e orientale hanno seguito la raccomandazione concordata nel Gruppo di Lavoro e con la Commissione europea nel 2021 di ridurre il tasso di prelievo del 50%. Questa flyway comprende AustriaRomaniaItaliaMaltaBulgariaGrecia e Cipro (sebbene quest’ultima nazione faccia parte della rotta Mar Nero-Medio Oriente).

Nel complesso, questi Stati membri hanno ottenuto una riduzione del prelievo di oltre il 70%, sia nel 2021 che nel 2022. Questo successo è stato il risultato della fissazione di quote di prelievo nazionali/regionali e giornaliere/stagionali per i cacciatori. Ad esempio, in diverse regioni italiane è stato stabilito un limite di 10 tortore a stagione per cacciatore, con un massimo di 5 al giorno. Per seguire l’andamento di queste quote, sono stati creati nuovi sistemi di segnalazione online che consentono ai cacciatori di registrare il prelievo in tempo reale. Una volta raggiunta la quota, la stagione di caccia alla tortora viene chiusa.

La riduzione del prelievo sulla rotta centro-orientale è stata finora un successo, grazie al sostegno attivo della comunità di cacciatori di tali Stati membri. I risultati della stagione di caccia 2023 saranno presto discussi nell’ambito della task force dell’UE per il recupero degli uccelli.

Tuttavia, la sola riduzione del prelievo non basterà a fare incrementare le popolazioni di tortore. La gestione dell’habitat e azioni di ripristino più ampie sono fondamentali per il recupero di tutti gli uccelli delle aree agricole. La tortora ha bisogno di habitat adatti per la riproduzione e il foraggiamento, che stanno scomparendo a causa dell’intensificazione dell’agricoltura in tutta Europa.

Fortunatamente, i cacciatori si dedicano da tempo alla conservazione della tortora investendo ingenti risorse in misure per gli habitat in cui la specie è cacciabile. Ad esempio , mentre alcuni studi hanno evidenziato l’importanza delle siepi e di altre macchie di vegetazione naturale nei terreni agricoli per la tortora, i cacciatori della Vandea (Francia) hanno piantato 512.000 alberi e arbusti negli ultimi 20 anni, pari a 374 ettari di bosco e 96 km di siepi, finanziati dalla Federazione della Caccia.

Un altro buon esempio è la semina di migliaia di ettari all’anno (più di 110.000 ettari tra il 2005 e il 2019 per un costo di oltre 2 milioni di euro finanziati dalla Confederazione ellenica dei cacciatori) con colture ricche di semi, come i girasoli, che non vengono raccolti e che creano un ricco mix di semi altamente benefici per la Tortora e per la biodiversità in generale.

I cacciatori sono attivi anche nella ricerca, ad esempio, con la raccolta delle ali ottenute tramite il prelievo. L’analisi dei dati risultanti dalle indagini sulle ali è utile in quanto fornisce una stima del rapporto tra adulti e giovani catturati, utilizzabile per seguire il successo riproduttivo annuale.

La FACE esorta i suoi membri, così come le autorità nazionali, a proseguire gli sforzi nella gestione e nel ripristino degli habitat, nella ricerca e nel monitoraggio. Ciò include il mantenimento di buoni programmi di segnalazione delle catture e il miglioramento dei sistemi, ove necessario.

Per saperne di più sul processo AHM e sul lavoro dei cacciatori nella conservazione della tortora, vedere i rapporti di FACE sul processo di costruzione dell’AHM ( qui ) , sul primo ( qui ) e sul secondo ( qui ) anno di caccia alla tortora nell’ambito del programma AHM.