CACCIA SOSTENIBILE E CONSERVAZIONE IN EUROPA. UN SUCCESSO LA CONFERENZA AL PARLAMENTO EUROPEO

897

 

Lo scorso 7 giugno, l’eurodeputato Juan Ignacio Zoido (PPE, Spagna) ha ospitato al Parlamento europeo un evento di alto livello incentrato sui temi della caccia e della conservazione sostenibili in Europa, incentrando la discussione sul loro ruolo rispetto a una serie di importanti sviluppi politici dell’UE.

I punti focali includevano nuove iniziative riguardanti la caccia sostenibile all’avifauna, il ripristino degli habitat e la gestione delle aree protette.

L’evento mirava a promuovere un dialogo inclusivo sul futuro della conservazione della fauna selvatica e l’effettiva attuazione della strategia dell’UE sulla biodiversità per il 2030.

I relatori hanno discusso le sfide e le opportunità legate all’attuazione delle nuove politiche ambientali dell’UE e hanno sottolineato i vantaggi della conservazione attiva degli habitat. Particolare attenzione è stata rivolta al ruolo delle pratiche sostenibili nel raggiungimento degli obiettivi di conservazione fissati dall’Europa.

L’eurodeputato Juan Ignacio Zoido (PPE, Spagna) ha dichiarato: “Come politico e cacciatore, sono lieto di vedere che siamo così numerosi a condividere un obiettivo così nobile: preservare la natura e contribuire alla società rurale e all’economia. La conservazione della natura va di pari passo con la sostenibilità, e questa si basa sempre su tre ambiti: ambientale, sociale ed economico. La caccia è un chiaro esempio di questo equilibrio sostenibile. Molti dimenticano il ruolo fondamentale che i cacciatori svolgono nella conservazione del mondo rurale. A causa della migrazione dalle campagne alle città, le nostre campagne sono state abbandonate. E sono i cacciatori, insieme agli agricoltori e ai proprietari terrieri, che investono tempo e denaro nella cura del paesaggio e della sua biodiversità”.

Andrea Vettori, Capo Unità, Conservazione della Natura, Direzione Generale per l’Ambiente, Commissione Europea, ha dichiarato che: “Apprezzo molto il sostegno pubblico di FACE e della comunità dei cacciatori alla proposta della Commissione sulla Legge per il Ripristino della Natura. Dobbiamo ripristinare la biodiversità e migliorare la resilienza degli ecosistemi, a beneficio delle nostre campagne. Sono convinto che non ci sia miglior incentivo per l’impegno dei cacciatori nel lavoro di conservazione del riconoscimento che ciò migliorerà lo status delle specie cacciabili”.

Szabolcs Nagy, Biodiversity Manager presso Wetlands International-European Association, ha dichiarato: “La strategia dell’UE per la biodiversità per il 2030 offre l’offerta migliore per gli amanti della natura, inclusi cacciatori e pescatori, per recuperare la natura, comprese le specie oggetto di caccia. Il Parlamento europeo e il Consiglio dovrebbero adottare una legge ambiziosa sul ripristino della natura che sia all’altezza delle sfide della biodiversità e del clima”.Manuel Gallardo, Presidente della Federazione Reale Spagnola di Caccia, ha dichiarato: “Chiediamo alla Commissione Europea di garantire che tutti i dati trattati siano oggettivi e ufficiali. Ci sono problemi quando i dati sono forniti da soggetti che si oppongono alle attività venatorie e questi dati sono anche molto messi in discussione dalla comunità scientifica. Sottolineiamo inoltre la necessità di lavorare su progetti che assicurino la sostenibilità rurale e che alla caccia venga riconosciuto un ruolo fondamentale nella conservazione della fauna selvatica, sia cacciabile, sia protetta”.

Michele Sorrenti, Coordinatore Scientifico dell’Ufficio Studi e Ricerche della Federazione Italiana Caccia, ha spiegato che la caccia è strettamente legata alla conservazione della biodiversità. Ha fornito esempi dall’Europa, in particolare dall’Italia, dove i cacciatori sono stati attivi nel ripristino delle zone umide. Ha sottolineato che questi sforzi hanno portato a un aumento delle popolazioni di uccelli acquatici rispetto ad altre aree dove non c’è il coinvolgimento dei cacciatori: “Le zone umide richiedono manutenzione e attenzioni attive e i cacciatori hanno dimostrato il loro impegno a loro spese lavorando diligentemente su questo punto. Inoltre, Federcaccia investe centinaia di migliaia di euro nella ricerca su diverse specie di uccelli, con il risultato di pubblicazioni scientifiche che contribuiscono alla conoscenza pubblica. I cacciatori chiedono al Governo di riconoscere e apprezzare meglio il loro ruolo in questo importante lavoro. In particolare, la comunità venatoria sollecita le istituzioni europee e nazionali a coinvolgerla nella nuova Legge sul Ripristino della Natura”.

L’evento è stato moderato da David Scallan, segretario generale di FACE, che ha anche ospitato un’ampia discussione di domande e risposte. Le registrazioni dal live streaming sono disponibili a questo link: https://www.europarl.europa.eu/streaming/?event=20230607-1600-SPECIAL-OTHER-1 con traduzione in lingua Inglese e Spagnola.