ASSEMBLEA REGIONALE FEDERCACCIA MARCHE

385

Si è svolta al ristorante Moretti di Montelupone l’assemblea regionale della Federcaccia Marche.

Presenti i delegati di ogni provincia, i componenti del Consiglio Regionale, i rappresentanti del “gruppo giovani cacciatori FIDC”.

Il presidente regionale FIDC Paolo Antonioni ha ringraziato tutti i dirigenti della Federcaccia che operano in ogni comune a titolo volontario, per dare informazioni chiare e precise in merito alle normative vigenti in merito allo svolgimento dell’attivita’ venatoria e per seguire i federcacciatori nei vari adempimenti inerenti i vari rinnovi annuali.

Dopo l’approvazione all’unanimita’ dei bilanci – consuntivo 2021 e preventivo 2022 – il presidente ha proseguito con la sua relazione, precisando che in merito al prossimo calendario venatorio, la Federcaccia chiede espressamente l’inserimento di tutte le specie cacciabili previste dalla normativa vigente e, supportera’ quindi, la Regione con i dati scientifici che emergeranno dagli studi e delle ricerche (ufficio nazionale studi e ricerche) avvalendosi anche dell’appoggio del suo ufficio legale.

Stesso discorso per le specie in deroga rispetto delle modalita’ previste dalla normativa di riferimento.

Il presidente Antonioni ha anche informato tutti i presidenti che la FIDC Marche ha finanziato il progetto di telemetria satellitare per le specie di beccaccia e tordo bottaccio e che verra’ attivato in collaborazione con il Parco Nazionale del Conero.

Un ringraziamento sentito alla regione Marche e agli uffici di riferimento, per il concreto lavoro che stanno svolgendo finalizzato ad una effettiva gestione faunistica e per un prelievo venatorio sostenibile.

Graditi ospiti dell’assemblea sono stati il governatore delle Marche Francesco Acquaroli, l’assessore regionale all’ambiente Stefano Aguzzi, la consigliera regionale Elena Leonardi.

Nel suo intervento Acquaroli ha ribadito l’impegno della Regione Marche nel risolvere le varie ed eventuali problematiche del mondo venatorio e dei crescenti danni causati dalla fauna selvatica, auspicando in un effettivo coinvolgimento dei cacciatori nella gestione faunistica e nel rispetto delle normative vigenti in merito.

Il vice pres. Reg.le FIDC Marche

Nazzareno Galassi