AGRICOLTURA: VACCARI, BENE RIUNIONE COMITATO TECNICO FAUNISTICO

274

 

” È tornato a riunirsi il Comitato tecnico faunistico venatorio nazionale. È una buona notizia per la biodiversità e la gestione del territorio. Lo ha voluto il Pd che ha imposto un emendamento alla legge di bilancio. Ora il ministro Lollobrigida, sostenuto da qualche ultras nell’associazionismo venatorio, vorrebbe prendersi i meriti dell’operazione. Semmai, e lo diciamo con fermezza, i demeriti legati al fatto che la sua composizione non rappresenta le indicazioni originarie della legge 157 che lo aveva previsto più largo e rappresentativo del pluralismo delle associazioni agricole, venatorie ed ambientaliste ed anche delle istituzioni regionali e locali. Ora annuncia il ministro che sarà il luogo per riflettere sulla legislazione vigente e sul tema della peste suina collegata alla presenza abnorme dei cinghiali. Questioni che il Pd sta sollevando da tempo in Parlamento dove di contro il ministro fa orecchie da mercante, come nel caso dell’applicazione del regolamento sul divieto di utilizzo delle cartucce di piombo nelle zone umide visto che il governo è scappato di fronte alla necessità di dare certezza di diritto ai cacciatori unitamente alla necessità di attuare correttamente la disposizione Europa. Ma ormai tutti lo sanno. Questo è il governo degli annunci. Per i fatti non è dato sapere”. Lo dice Stefano Vaccari, capogruppo Pd della Commissione Agricoltura e dell’Ufficio di Presidenza della Camera.