FINALE NAZIONALE COPPA ITALIA PER CANI DA SEGUITA SU CINGHIALE IN COPPIA. LA CAMPANIA SUL GRADINO PIU’ ALTO DEL PODIO

681

 

È stato il delegato federale Alessandro Filippi, Presidente prov.le FIdC Frosinone, a dare il benvenuto alle 13 coppie qualificatesi per la finale della Coppa Italia per cani da seguita su cinghiale in coppia, svoltasi in terra benedettina organizzata dalla Federazione Italiana della Caccia, in collaborazione con il Coordinamento Cacciatrici Federcaccia.

E sotto il segno della dea Artemide, le coppie si sono ritrovate lo scorso 28-29-30 ottobre presso la ZAC “I Greci” nel Comune di Pontecorvo (FR), un recinto caratterizzato da terreni ben costituiti di arbusti e cespugli impenetrabili, boschi di lecci e roveri accompagnati da erica arborea e mirto, e “re di macchia” idonei all’importanza della Finale Nazionale.

Nel cuore della Ciociaria, in terra di cinghiali, conduttori e cani hanno dato vita ad importanti avventure con i giudici pronti a scrivere la cronaca di questa avvincente prova cinofila.

Tutti i concorrenti avevano l’obbiettivo di scendere in campo e sfidarsi per raggiungere il più alto gradino del podio, quello dedicato all’ottenimento dell’ambito collare artigianale fatto realizzare dalla FIdC di Frosinone all’oreficeria Savelli di Ceprano, che sanciva la qualifica a Campione 2021 di questa prestigiosa Coppa Italia.

I cinghiali spesso erano arroccati nelle rimesse fra i rovi, ma in molte occasioni l’abbaio a fermo nitido e sempre più impetuoso ha fatto sì che l’adrenalina salisse ad alti livelli. E quando i conduttori hanno convinto le loro coppie di ausiliari a partire dando ai segugi l’occasione di sprigionare nella seguita tutta la loro ardente passione è sembrato tremasse il bosco, scosso dai grugniti dei selvatici e dai latrati dei cani.

Giudicati da Luigi Desogus e Massimo D’Epiro ed alla presenza del Responsabile della Commissione Nazionale Cinofila FIdC, Aldo Pompetti, a disputarsi il titolo per soli pochi punti sono stati un campano, un toscano e un laziale, tutti con coppie di validi segugi maremmani.

Alla fine ad averla vinta è stato Nicola Califano, Campania, con Gioia e Tommy. Secondo posto per il toscano Sergio De Marco con Tequila e Brenda. Terzo posto per Vincenzo Soprano, Lazio, con Tigro e Gioia.

Doverosi i ringraziamenti da parte del padrone di casa, Alessandro Filippi agli sponsor di questa manifestazione, Canicom, azienda leader di prodotti destinati all’uso del mondo venatorio e MisterMix, azienda che offre prodotti al servizio dell’alimentazione del cane. Un grazie immenso a tutti i collaboratori presenti, in particolare a Mauro Frasi e Daniela Iovine, componenti della Commissione Cinofila Provinciale e co-organizzatori dell’evento, alle GGVV della FIdC ed al gestore della ZAC, Crescenzo Del Signore.