FIDC LOMBARDIA. VERBALI DI CONTESTAZIONE PER L’USO DI MUNIZIONI CONTENENTI PIOMBO NELLA FASCIA ESTERNA DI 1000 METRI AL SIC VALPREDINA (BG): INESISTENZA DEL DIVIETO

285

 

Ci è stato segnalato che agenti di vigilanza volontari del WWF nei giorni scorsi hanno contestato l’uso di munizioni contenenti piombo nell’esercizio della caccia nella fascia di metri 1000 esterna al SIC VALPREDINA.

Vorranno tutti gli Enti in indirizzo (Utr Bergamo, Regione Lombardia, Prefetto di Bergamo, Provincia di Bergamo, Corpo di Polizia Provinciale Nucleo Ittico-Venatorio Della Provincia di Bergamo e WWF Riserva Naturale Valpredina) provvedere per quanto di competenza, anche richiamando gli agenti preposti alla vigilanza ad attenersi a quanto previsto a livello normativo e regolamentare: ad oggi infatti non sussiste nessun divieto in tale senso, se non con riferimento a territori qualificati come Zona Umida all’interno dei Siti di Rete Natura 2000.

È vero infatti che l’Oasi Valpredina in sede di Valutazione di Incidenza sul Calendario Venatorio ha espresso parere richiedendo che nella fascia di 1000 metri attorno al SIC dalla stessa gestito fosse vietato l’uso di munizioni contenenti piombo, ma tale richiesta non è stata accolta dalla Regione (pagg. 43 e 44 del Decreto 10435 del 29.7.2021 – Valutazione di Incidenza del Calendario Venatorio Regionale). Nella parte dispositiva del Decreto citato sono indicate tutte le prescrizioni ulteriori a quelle di Legge e quella pretesa dagli accertatori non c’è.

Del resto non è riportata nemmeno nel “VADEMECUM PER L’ESERCIZIO DELL’ATTIVITA’ VENATORIA NEI SITI DI RETE NATURA 2000 IN LOMBARDIA”, pubblicato dalla Regione dopo l’adozione del decreto di VINCA per informare i cacciatori, e nemmeno è indicato nel calendario integrativo o nel riduttivo (come era stato richiesto dall’Oasi di Valpredina).

Il divieto dell’uso di munizioni contenenti piombo secondo il Decreto Vinca (e relativo Vademecum) e delle norme sovraordinate (Decreto Ministeriale 17 ottobre 2007 e DGR 1029 del 5 dicembre 2013) riguarda esclusivamente l’esercizio della caccia “all’interno delle zone umide, quali laghi, stagni, paludi, acquitrini, lanche, lagune d’acqua dolce, salata, salmastra, nonché ne raggio di metri 150 dalle rive più esterne”, salve previsioni specifiche previste eventualmente nei Piani Faunistico-Venatori Provinciali. Non risulta che l’appostamento fisso oggetto di controllo si trovi a meno di 150 metri da un sito classificabile come “zona umida” interno al SIC/ZSC Valpredina.

Alla luce di quanto sopra, qualora dovessero essere elevati nuovi verbali per il mancato rispetto dell’obbligo inesistente si procederà nelle opportune sedi nei confronti degli accertatori, onde procedere anche al ristoro dei danni per l’aggravio di procedimenti inutili. Quanto a quelli già emessi vorrete provvedere al loro annullamento e revoca “de plano”.

Si chiede inoltre a all’Ecc.ma Prefettura e alla Provincia di Bergamo, per quanto di competenza, di sospendere il decreto autorizzante gli accertatori all’attività di controllo in materia venatoria.

Certo del Vs intervento, porgo i migliori saluti.

Lorenzo Bertacchi – Presidente federcaccia Lombardia