Progetti e Ricerche

logo Federazione Italiana della CacciaLogo F.A.C.E.
25 Marzo 2017

Benvenuti in Federcaccia Online

JAZU: IL PRIMO IBIS EREMITA "SELVATICO" IN EUROPA
< indietro



MONITORAGGIO E PROTEZIONE DELL'IBIS EREMITA. FIDC ADERISCE ALL'INIZIATIVA WALDRAPPTEAM.

Di seguito il comunicato diffuso dall'Associazione Waldrapptream che ha intrapreso una campagna di monitoraggio finalizzato alla protezione della specie Ibis Eremita. L'associazione ha chiesto la collaborazione di Fidc per divulgare l'iniziativa e sensibilizzare i cacciatori all'importanza del progetto.


JAZU: IL PRIMO IBIS EREMITA "SELVATICO" IN EUROPA

La versione attuale della rivista SCIENCE parla di un Ibis eremita di nome Jazu (Aug. 24th 2012; http://www.sciencemag.org/content/current#NewsoftheWeek).

Jazu è uno dei tre giovani ibis allevati da una coppia di ibis eremita che si è riprodotta a Burghausen, in Bavaria nel 2011. In autunno Jazu ha seguito un suo conspecifico fino all'area di svernamento situata presso l'Oasi WWF nel sud della Toscana. Il 6 luglio 2012 Jazu ha lasciato la Toscana per attraversare le Alpi e raggiungere Burghausen, l'8 agosto.

Jazu è il primo ibis eremita "selvatico" del progetto Waldrappteam che è cresciuto con i suoi simili, ha imparato la rotta migratoria e ha dato inizio ad un ciclo migratorio senza alcun aiuto da parte dell'uomo. Il leader del progetto, J Fritz: "Si tratta di un grande successo al quale aspiravamo da ben 10 anni. L'esperienza di Jazu dimostra chiaramente come sia effettivamente possibile la creazione di una colonia di ibis eremita in grado di migrare autonomamente!"

Nel frattempo Jazu è già ripartito da Burghausen. La sua posizione attuale si trova vicino ad Hallein a sud di Salisburgo. E' stato raggiunto da un giovane anch'esso nato e cresciuto a Burghausen quest'anno. La speranza è che Jazu conduca il giovane ibis fino alla Toscana riuscendo così a trasmettere le informazioni riguardanti la rotta migratoria alla nuova generazione.

Nel 2012 un totale di 11 ibis eremita è partito dalla Toscana ed ha quindi raggiunto il sito riproduttivo a Burghausen. Jazu ed alcuni altri uccelli sono già ripartiti verso sud. Al loro gruppo si sono aggiunti ben 5 individui allevati a Burghausen da due coppie di genitori naturali.

Sfortunatamente, durante la migrazione autunnale in molti casi, abbiamo subito notevoli perdite dovute al bracconaggio. E' anche per questo motivo che sia Jazu sia i suoi conspecifici sono stati equipaggiati con dei trasmettitori GPS. Grazie a questi dispositivi siamo in grado di ricevere costantemente, anche più volte al giorno, le informazioni riguardanti la posizione degli ibis.

Basandosi sulla posizione GPS degli uccelli tre squadre del Waldrappteam, indipendentemente l'una dall'altra, cercano di seguire, per quanto possibile, gli ibis in migrazione informando contemporaneamente, l'opinione pubblica, le autorità locali e soprattutto le associazioni venatorie, sulla presenza degli ibis eremita e sul progetto in generale. In aree considerate particolarmente pericolose le squadre possono anche decidere di catturare e mettere in sicurezza gli ibis. In questo modo è possibile ridurre notevolmente le perdite dovute al bracconaggio.

Questa attività di scorta degli ibis eremita durante la migrazione autunnale dovrà essere portata avanti per molti anni. In seguito il risultato di estese relazioni pubbliche, in collaborazione con la Federazione Italiana della Caccia (FIDC) dovrebbe assicurare la costante protezione degli ibis eremita. J Fritz: "Siamo fiduciosi e crediamo che la minaccia del bracconaggio potrà essere ridotta nel corso dei prossimi anni. Per tale motivo riteniamo che valga la pena di fare uno sforzo in questo momento. Riteniamo, inoltre, che anche altre specie in pericolo di estinzione potranno trarre un notevole vantaggio da tale attività che porta come stendardo l'ibis eremita"



ARTICOLI CORRELATI:
http://www.federcaccia.org/news_show.php?idn=2318

http://www.federcaccia.org/news_show.php?idn=2322







   


 



Federazione Italiana della Caccia
Via Salaria, 298/a - 00199 Roma - Tel / Fax 06 844094217 - Cf 97015310580 - fidc@fidc.it