Il Consiglio Nazionale della Federazione Italiana della Caccia

logo Federazione Italiana della CacciaLogo F.A.C.E.
29 Settembre 2020

Benvenuti in Federcaccia Online

24 Luglio 2017
UFFICIO AVIFAUNA MIGRATORIA: WORKSHOP A CANNEVIÉ
< indietro
 

Ricevere e offrire spunti per portare la ricerca a disposizione di tutti grazie anche a una comunicazione efficiente: è stato questo il concetto ispiratore della riunione organizzata dall'Ufficio avifauna migratoria-Fidc, coordinato dal vicepresidente nazionale Lorenzo Carnacina, presso l'oasi di Cannevié nel Ferrarese. Alla presenza di un'eterogenea quanto attenta platea costituita da dirigenti federali, esperti e semplici appassionati, si sono succeduti cinque relatori. Michele Bottazzo, di Veneto Agricoltura, ha parlato di "Territorio e fauna - Un legame inevitabile", citando l'esempio dell'azienda sperimentale di Vallevecchia, tra Caorle e Bibione, in cui la convivenza tra agricoltura e tutela fauno-paesaggistica hanno raggiunto un equilibrio che produce anche reddito. Michele Sorrenti, componente dell'Ufficio, si è intrattenuto sui dati dei prelievi di beccaccino e frullino e sull'importanza dei Diari di caccia come fonte per la ricerca, annunciando un prossimo intervento su tale argomento in un convegno in terra francese. Alessandro Tedeschi, di Amici di Scolopax, ha raccontato come sia cambiato l'approccio, da parte del mondo venatorio italiano, allo studio della beccaccia grazie a iniziative come "AliRegAli" e all'uso della telemetria satellitare, che hanno portato il nostro Paese da fanalino di coda nel settore a riferimento scientifico di pregio. Daniel Tramontana ha tratteggiato gli obiettivi strategici e i settori di attività dell'Ufficio, tra i quali, ha sottolineato, quello molto apprezzato dai dirigenti federali di punto di riferimento di molte Regioni per la stesura dei calendari venatori. Ultimo dei relatori Dario Buscema, del Servizio caccia e pesca della Regione Friuli-Venezia Giulia, che dal suo particolare punto d'osservazione, prima di fornire i dati sui prelievi nella sua regione, ha evidenziato "il disagio del mondo venatorio per la mancanza di punti di riferimento che non siano solo ‘sindacali', ma soprattutto proponibili nelle sedi tecnico-decisionali, e l'Ufficio avifauna migratoria può soddisfare questa esigenza". A Carnacina il compito di evidenziare lo scopo della riunione: "È stata una giornata di lavori preparatoria ad altre iniziative come convegni e corsi di aggiornamento, uno scambio di idee tra operatori del settore su come impegnarsi nella comunicazione. E, soprattutto, sul come attuarla, visto che abbiamo e avremo sempre più interlocutori diversi: non possiamo parlare  allo stesso modo con i nostri iscritti per formarli, con le Istituzioni per guidarle, con i nostri dirigenti per aggiornarli e con esperti ornitologi per accreditarci scientificamente. Dobbiamo riuscire a elaborare linguaggi differenti per essere compresi sia al nostro interno che all'esterno, a livello nazionale e internazionale, per trovare spazio non solo nei nostri organi d'informazione. Se vi riusciremo, ricerca e difesa delle tradizioni venatorie coincideranno".









stampa la pagina


Federazione Italiana della Caccia
Via Salaria, 298/a - 00199 Roma - Tel / Fax 06 844094217 - Cf 97015310580 - fidc@fidc.it