Fauna cacciabile, varie informazioni sulla caccia

logo Federazione Italiana della CacciaLogo F.A.C.E.
4 Aprile 2020

Benvenuti in Federcaccia Online
Fauna particolarmente protetta

LANARIO (Falco biarmicus)
< indietro


a cura di Mario Spagnesi





Inquadramento  sistematico

Ordine
Falconiformi
Famiglia
Falconidi
Genere
Falco


Distribuzione
Specie sedentaria diffusa nell’Europa sud-orientale, Medio Oriente e Regione Etiopica; i soggetti giovani possono compiere movimenti erratici e dispersivi più o meno rilevanti.
In Italia è nidificante soprattutto nelle regioni centro-meridionali e in Sicilia, ove è presente oltre la metà dell’intera popolazione italiana.

Dove vive
Frequenta di preferenza aree aperte a pascolo, steppa cerealicola, incolto, dominate da asperità rocciose, fino a quote inferiori ai 1.000 m s.l.m.

Alimentazione
Si ciba di Uccelli di piccole e medie dimensioni, micromammiferi, pipistrelli e, più di rado, Anfibi, Rettili e Insetti.

Comportamento
È territoriale e mostra una spiccata fedeltà ai siti di nidificazione. La coppia vive in monogamia, con legami apparentemente di lunga durata. Caccia sia adottando la tecnica dell’agguato da un posatoio sia quella del volo esplorativo, veleggiando a grandi altezze e buttandosi in vertiginose picchiate. Spesso i membri della coppia cooperano tra loro: mentre un esemplare mette in fuga le prede, l’altro le cattura. Le prede sono ghermite sia in volo che direttamente sul terreno.

Riproduzione
Periodo riproduttivo: depone le uova tra febbraio e l’inizio di aprile; una covata l’anno.
Nido: su pareti rocciose in anfratti e cenge.
Uova: in genere 3-4.
Cova: 32-35 giorni. L’incubazione delle uova è effettuata sia dalla femmina che dal maschio.
Cure parentali: i pulcini sono nidicoli e vengono alimentati inizialmente dalla femmina con il cibo procurato dal maschio. I giovani sono in grado di volare all’età di 44-46 giorni.

Status e conservazione
La specie in Europa ha uno stato di conservazione sfavorevole ed è ritenuta minacciata e in pericolo.

Livello di protezione
Convenzione di Bonn, all. II: specie nei confronti della quale sono richiesti accordi internazionali per la sua conservazione e gestione.
Convenzione di Berna, all. II: specie rigorosamente protetta.
Direttiva Uccelli 79/409/CEE, all. I: specie nei confronti della quale sono previste misure speciali di conservazione per quanto riguarda l’habitat.
Legge nazionale 11 febbraio 1992, n. 157, art. 2: specie particolarmente protetta.

 

Federazione Italiana della Caccia
Via Salaria, 298/a - 00199 Roma - Tel / Fax 06 844094217 - Cf 97015310580 - fidc@fidc.it