Fauna cacciabile, varie informazioni sulla caccia

logo Federazione Italiana della CacciaLogo F.A.C.E.
4 Aprile 2020

Benvenuti in Federcaccia Online
Fauna particolarmente protetta

FALCO DI PALUDE (Circus aeruginosus)
< indietro


a cura di Mario Spagnesi





Inquadramento  sistematico

Ordine
Falconiformi
Famiglia
Accipitridi
Genere
Circus


Distribuzione
Specie diffusa come nidificante in Europa ed Asia centrali, principalmente a latitudini temperate. In Nord Africa è presente una distinta sottospecie. Le popolazioni che nidificano nelle zone settentrionali dell’areale riproduttivo sono migratrici, mentre quelle più meridionali sono sedentarie o dispersive. Le aree di svernamento delle popolazioni europee si estendono dai paesi del bacino del Mediterraneo all’Asia Minore e all’Africa sino alla Tanzania e al Botswana. La migrazione post-riproduttiva verso i quartieri di svernamento si svolge da settembre a novembre, ma verso la fine di agosto ha inizio la dispersione dei giovani; la migrazione pre-riproduttiva verso i quartieri di nidificazione ha luogo da marzo a maggio.
In Italia è sedentario nidificante, migratore regolare e svernante.

Dove vive
Frequenta zone umide d’acqua dolce o salmastra con abbondante vegetazione emersa (canneti, tifeti, ecc.), laghi, fiumi a corso lento, praterie, campi coltivati a cereali e foraggere.

Alimentazione
Si ciba di Uccelli e loro uova, Mammiferi di piccole e medie dimensioni; più di rado cattura Anfibi e Pesci, e occasionalmente appetisce carogne e resti di prede di altri rapaci.

Comportamento
Durante la migrazione, che avviene esclusivamente nelle ore diurne, e nelle aree di svernamento manifesta abitudini gregarie e si riunisce in dormitori comuni. È un buon volatore e alterna lunghe planate ondulate a brevi battiti d’ala. Caccia in volo a bassa quota e quando individua la preda la raggiunge con un rapido volo verticale e la ghermisce con gli artigli protesi in avanti e tenendo le ali rialzate sul dorso. Riposa abiltualmente sul terreno o su bassi posatoi.

Riproduzione
Periodo riproduttivo: depone le uova tra fine marzo e maggio; una covata l’anno.
Nido: nei canneti o in altra simile vegetazione palustre e, a volte, tra erbe alte e nei campi di cereali.
Uova: in genere 3-5.
Cova: circa 35 giorni. L’incubazione è effettuata soprattutto dalla femmina.
Cure parentali: i pulcini sono nidicoli e rimangono nel nido per 35-40 giorni. I giovani raggiungono l’indipendenza all’età di circa 70 giorni.

Status e conservazione
La specie in Europa è considerata in uno stato di conservazione favorevole.

Livello di protezione
Convenzione di Bonn, all. II: specie nei confronti della quale sono richiesti accordi internazionali per la sua conservazione e gestione.
Convenzione di Berna, all. II: specie rigorosamente protetta.
Direttiva Uccelli 79/409/CEE, all. I: specie nei confronti della quale sono previste misure speciali di conservazione per quanto riguarda l’habitat.
Legge nazionale 11 febbraio 1992, n. 157, art. 2: specie particolarmente protetta.

 

Federazione Italiana della Caccia
Via Salaria, 298/a - 00199 Roma - Tel / Fax 06 844094217 - Cf 97015310580 - fidc@fidc.it