Fauna cacciabile, varie informazioni sulla caccia

logo Federazione Italiana della CacciaLogo F.A.C.E.
4 Aprile 2020

Benvenuti in Federcaccia Online
Fauna particolarmente protetta

ASTORE (Accipiter gentilis)
< indietro


a cura di Mario Spagnesi





Inquadramento  sistematico

Ordine
Falconiformi
Famiglia
Accipitridi
Genere
Accipiter


Distribuzione
Specie tendenzialmente sedentaria od erratica presente in Europa, Asia paleartica e America settentrionale. Le popolazioni che nidificano nei territori artici e sub-artici sono parzialmente migratrici: si spostano più a Sud in ottobre-novembre e ritornano nelle aree di riproduzione in marzo-aprile. Fenomeni di erratismo caratterizzano per lo più i soggetti immaturi.
In Italia è nidificante sedentario, ma gli individui che nidificano a quote elevate in inverno possono compiere migrazioni verticali. È uniformemente distribuito su Alpi e Prealpi, mentre sull’Appennino è presente essenzialmente nella fascia montana della faggeta.

Dove vive
Frequenta i boschi d’alto fusto di latifoglie, di conifere e misti, alternati a radure e spazi aperti, sia di pianura che di montagna. Nel nostro Paese è diffuso soprattutto nelle zone montane ad altitudini comprese tra i 1.000 m e il limite superiore della vegetazione arborea.

Alimentazione
Si ciba in prevalenza di Mammiferi di medie dimensioni (scoiattoli, giovani lepri, conigli, topi selvatici) e di Uccelli, tra cui anche rapaci diurni (sparvieri e gheppi) e notturni (civette e gufi comuni). Solo eccezionalmente cattura Insetti.

Comportamento
Tranne che nella stagione riproduttiva vive solitario. Possiede un volo agile e veloce, e si destreggia con sorprendente abilità anche tra la vegetazione arborea più fitta. Caccia spesso all’agguato stazionando su posatoi favorevoli, ma pure in volo. Ghermisce le prede sia a terra che in volo e se questa riesce ad evitare il primo assalto la insegue quasi sempre con successo.

Riproduzione
Periodo riproduttivo: depone le uova tra aprile e maggio; una covata l’anno.
Nido: predisposto nella parte centrale della chioma degli alberi più maturi, dove i robusti rami assicurano un miglior sostegno.
Uova: in genere 2-4.
Cova: 36-38 giorni. L’incubazione è effettuata soprattutto dalla femmina.
Cure parentali: i pulcini sono nidicoli e vengono allevati da entrambi i genitori. I giovani abbandonano il nido all’età di circa 40 giorni, quando sono in grado di compiere i primi incerti voli; a circa due mesi e mezzo di età si rendono completamente indipendenti.

Status e conservazione
La specie non è ritenuta minacciata a livello europeo.

Livello di protezione
Convenzione di Bonn, all. II: specie nei confronti della quale sono richiesti accordi internazionali per la sua conservazione e gestione.
Convenzione di Berna, all. II: specie rigorosamente protetta.
Direttiva Uccelli 79/409/CEE, all. I: limitatamente alla sottospecie arrigonii di Corsica e Sardegna sono previste misure speciali di conservazione per quanto riguarda l’habitat.
Legge nazionale 11 febbraio 1992, n. 157, art. 2: specie particolarmente protetta.


Federazione Italiana della Caccia
Via Salaria, 298/a - 00199 Roma - Tel / Fax 06 844094217 - Cf 97015310580 - fidc@fidc.it