Fauna cacciabile, varie informazioni sulla caccia

logo Federazione Italiana della CacciaLogo F.A.C.E.
4 Aprile 2020

Benvenuti in Federcaccia Online
Fauna particolarmente protetta

PIVIERE TORTOLINO (Charadrius morinellus)
< indietro


a cura di Mario Spagnesi





Inquadramento  sistematico

Ordine
Caradriformi
Famiglia
Caradridi
Genere
Charadrius


Distribuzione
Specie migratrice diffusa come nidificante in Eurasia settentrionale e centrale in due fasce latitudinali: dalla tundra artica di Scozia e Scandinavia settentrionale fino alla Siberia orientale e dai principali sistemi montuosi dell’Europa centro-meridionale fino alla Cina nord-occidentale e alla Mongolia. Le popolazioni europee svernano in Nordafrica e Medio Oriente. I movimenti migratori avvengono tra la fine di luglio e settembre-ottobre e da marzo a maggio.
In Italia è nidificante, migratore regolare e svernante raro.

Dove vive
Nel periodo riproduttivo frequenta la tundra artica e, nell’Eurasia centrale, le praterie d’altopiano. Durante la migrazione sosta nelle praterie d’alta quota con zone rocciose e talvolta in zone umide costiere, terreni pianeggianti e coltivati, mentre nei quartieri di svernamento è presente in zone steppiche e semidesertiche, pascoli, campagne coltivate, zone alberate e cespugliate.

Alimentazione
Si ciba di Insetti e loro larve, Molluschi, Crostacei, Anellidi e altri piccoli Invertebrati.

Comportamento
È di indole confidente e durante l’inverno si riunisce in gruppi anche molto numerosi. Sul terreno corre celermente e prima di involarsi solleva le ali e le stira sul dorso. Possiede un volo veloce con rapidi battiti d’ala.

Riproduzione
Periodo riproduttivo: depone le uova tra fine maggio e luglio; la femmina è poliandrica e può deporre fino a tre covate l’anno, che sono affidate al maschio.
Nido: in una buca del terreno spoglia o tappezzata di fili d’erba e licheni.
Uova: in genere 3.
Cova: 24-27 giorni. L’incubazione è effettuata normalmente dal solo maschio.
Cure parentali: i pulcini si trattengono nel nido per le prime ventiquatt’ore dalla schiusa e vengono accuditi dal maschio più che dalla femmina. All’età di 28-30 giorni i giovani sono atti al volo.

Status e conservazione
La specie in Europa ha uno stato di conservazione favorevole.

Livello di protezione
Convenzione di Bonn, all. II: specie nei confronti della quale sono richiesti accordi internazionali per la sua conservazione e gestione.
Convenzione di Berna, all. II: specie rigorosamente protetta.
Direttiva Uccelli 79/409/CEE, all. I: specie nei confronti della quale sono previste misure speciali di conservazione per quanto riguarda l’habitat.
Legge nazionale 11 febbraio 1992, n. 157, art. 2: specie particolarmente protetta.

 

Federazione Italiana della Caccia
Via Salaria, 298/a - 00199 Roma - Tel / Fax 06 844094217 - Cf 97015310580 - fidc@fidc.it